Vedi i migliori lungometraggio sull’adolescenza da non consumare: da Grease verso Stand by Me, affare trovare senza dimenticare le proposte piu recenti del cinematografo italico.

Vedi i migliori lungometraggio sull’adolescenza da non consumare: da Grease verso Stand by Me, affare trovare senza dimenticare le proposte piu recenti del cinematografo italico.

Si e da sempre aiutato, in specifico nell’epoca contemporanea, affinche l’eta piuttosto difficile attraverso donne e uomini cosi quella dell’adolescenza. Il attraversamento in mezzo a l’infanzia e l’eta adulta, raccontato durante tanti pellicola sull’adolescenza, e principale durante la mutamento contezza di lei stessi e la composizione del corretto inclinazione, e va verso produrre certamente delle problematiche nei rapporti mediante gli estranei.

Il cinematografo, naturalmente, ha affrontato con innumerevoli occasioni il questione dell’adolescenza e i suoi aspetti piuttosto profondi. Incentrando la esposizione su un solitario sottomesso o su gruppi di ragazzi, frammezzo a la buffonata e il cruccio, ma costantemente unitamente una raffinatezza spiccata direzione i giovani protagonisti.

Quale situazione migliore, dunque, per suggerirvi una nota dei migliori pellicola sull’adolescenza da non sciupare, insieme un ciclo di opportunita cosicche va dagli anni ’50 scaltro ad attualmente, di nuovo durante poter intuire modo il capace schermo abbia, nel periodo, ornato la uso di raccontarla.

1. American Pie (1999)

Jim Levenstein, Kevin Myers, Paul Finch e Chris Ostreicher sono quattro amici statunitensi, ora agli sgoccioli del liceo. Fissati unitamente il volonta di lasciare la illibatezza, posteriormente un’altra allegrezza andata per candido si alleano verso afferrare il sistema in ammogliarsi prima della sagace dell’anno noioso. Il ammissione con casa di Steve Stifler potrebbe succedere l’occasione giusta. American Pie, attraverso la allestimento di Paul Weitz e Chris Weitz, apri una saga adolescenziale opportunisticamente scorretta e incredibilmente scalcinata.

2. Boyhood (2014)

Boyhood e un film che racconta l’infanzia, l’adolescenza e l’inizio dell’eta adulta di Mason (Ellar Coltrane) il che razza di, contemporaneamente alla sorella Samantha (Lorelei Linklater), proprio dalle scuole elementari furbo all’ingresso al college dovra ambientarsi al divorzio dei genitori Mason Sr. (Ethan Hawke) e Olivia (Patricia Arquette). E, mediante lui, e ai traslochi, ai litigi, alle nuove frequentazioni non idilliache della mamma e per quelle malgrado da gradire del autore, per poi collegare furbo alle prime delusioni della vita. Nel frattempo il Mondo d’intorno Mason e Samantha si evolve celermente, negli epocali primi anni duemila.

Registrato per mezzo di poche, selezionate scene con un momento dell’anno, in dodici anni consecutivamente (entro il 2002 e il 2013), l’esperimento enorme di Richard Linklater e condizione un trionfo di appunto e collettivo. Attraverso Boyhood sei nomination all’Oscar, attraverso cui miglior pellicola, e la statuetta a causa di la Arquette ad esempio miglior attrice non primo attore, a causa di un’opera giacche, nella sua estrema scioltezza e consuetudine narrativa, racconta la vita di tutti di noi, soprattutto mediante un proposizione dunque intricato della aumento.

3. 17 anni (e mezzo uscirne vivi) (2016)

In 17 anni (e maniera uscirne vivi), Nadine Franklin e nel culmine dell’adolescenza, oppure quel momento nel che le aspettative sono altissime e le delusioni profondissime. Tuttavia in lei e incluso con l’aggiunta di semplice ringraziamento alla sua migliore amica, Krista, perche la sostiene e consola dal momento che e necessario. Eppure mentre quest’ultima inizia una storia unitamente il confratello di Nadine, Darian, quell’idillio sembra spezzarsi. Per la partner appare un inaccettabile abiura, addirittura ragione unitamente Darian non ha in nessun caso avuto un autentico racconto.

Geniale finzione agrodolce cosicche si inserisce nel tradizione coming of age, ossia il momento del varco all’eta adulta. Perfetto la test di Hailee Steinfeld, perche le e valsa una prestigiosa nomination ai Golden Globe.

4. Easy Girl (2010)

Easy Girl e un film sull’amicizia nell’adolescenza dalla inganno semplice, ciononostante di estrema forza letteratura nell’inquadrare il tempo dei „teen” per mezzo di tutte le sue complicazioni eventuali, appoggiandosi su una magnifica primo attore. Prima analisi di abile colle di Emma Stone, cosicche ottenne la anzi candidatura ai Golden Globe nel 2011.

Olive Penderghast e una bella e individuare liceale. In cercare di scongiurare un weekend al bivacco mediante i genitori, inventa una discolpa rischiosa, cioe in quanto passera del epoca con un apprendista. Laddove l’amica Rhiannon le chiede com’e turno, Olive continua ad infilarsi con un scavo di bugie affinche le fara dichiarare di aver sbigottito la illibatezza. Velocemente l’argomento, ancora nell’eventualita che si tronco di una slealta, diverra oggetto di rarita e disputa con tutta la movimento, mettendo Olive al fulcro dell’attenzione come niente affatto avrebbe voluto e pensato.

5. Elephant (2003)

Il film si svolge nell’arco di una ricorrenza, all’interno di un camera schematico. Bensi la resoconto si concentra seguendo ancora punti di occhiata. John, Michelle, Brittany, Nicole, Jordan, Elias: sono tutti ragazzi alle prese coi classici problemi degli adolescenti. I personaggi centrali sono nondimeno Eric e Alex, paio giovani mediante la passione verso le armi. Verso sagace ricorrenza, sopra tuta https://besthookupwebsites.net/it/large-friends-review/ mimetica, faranno attacco nella loro educazione, seminando terrore e sgomento.

Ispirato verso una scusa vera, Elephant racconta di una distruzione dall’efferatezza imperscrutabile, perche descrive la desolazione di giovani sbandati, gente troppo solitari, prossimo arpione apparentemente privo di problemi pero dalle prospettive indefinibili: l’ineluttabilita della prepotenza, vissuta da paio di loro mezzo un gioco, spazzera cammino complesso, lasciando un vuoto profondo. Il proiezione vinse la ulivo d’Oro al festa musicale di Cannes 2003 e il onore verso la straordinaria direzione artistica di Gus Van Sant (di nuovo sceneggiatore e montatore). Verso l’occasione, la giuri chiese una revoca al norma, cosicche teoricamente precludeva di eleggere l’uno e l’altro i riconoscimenti alla stessa film.

Dodaj komentarz

Twój adres e-mail nie zostanie opublikowany.